sabato 14 novembre 2015

BIG DATA E TURISMO



Big Data è un termine del quale si parla sempre più spesso, una visione interessante di cosa sono è stata esposta da Alexander Jaimes, ricercatore presso Yahoo Research, che nel corso di una conferenza in Italia ha affermato “i dati siamo noi. L’utilizzo ormai diffuso di qualsiasi dispositivo elettronico genera, infatti, una massa d’informazioni spesso indirette, che possono andare ad alimentare basi dati di grandi dimensioni. Ma è sufficiente la dimensione per parlare di Big Data? E come si distingue un semplice dato non strutturato da un Big DATA? Volendo descrivere in un’immagine cosa sono, possiamo usare la seguente,

É una foto molto usata, ma che consente di chiarire in sintesi cosa è accaduto nel giro di 8 anni. 
Tutte queste persone stanno generando dati e lasciando traccia della loro presenza in un determinato luogo e momento della storia; questo cambiamento è stato letto come conseguenza di un importante sviluppo della tecnologia, se nel 2005 le memorie dei telefoni arrivavano a 120 mb, nel 2014 arrivarono a 120 gb. Sono aumentate, quindi, la quantità, la varietà e la velocità dei dati scambiati e condivisi sul web.  In un minuto di internet ad esempio, la gente carica 72 ore di video, 200 mila tweets e così via. Quello dei dati è l’unico fenomeno al mondo, in cui il problema della gestione è legato all’abbondanza. Solo lo scorso anno, ogni giorno 2 miliardi e mezzo di persone si sono connesse alla rete producendo una mole di dati pari a 2,5 quintalioni di byte. Il trend è stato in crescita esponenziale nell’ultimo biennio, facendo registrare il 90% del totale dei dati da analizzare fino ad oggi.
Riuscire a mettere in contatto l’enorme quantità di tracce digitali che lasciamo ogni giorno in giro, consente di "mappare" la nostra presenza sul territorio, come illustra Beinat professore di Geoinformatica dell’Università di Strasburgo: "Costantemente, ogni volta che usiamo un telefono o strisciamo una carta di credito, lasciamo tracce del nostro passaggio e del nostro uso della città. Se da un lato su Facebook, Twitter o Yelp scegliamo deliberatamente di divulgare dati e opinioni, molti altri servizi hanno bisogno di catturare informazioni su di noi per poterci fornire comunicazione, trasporto, sicurezza e tutti gli altri servizi essenziali che fanno parte del nostro vivere contemporaneo". 
Il potenziale per il turismo è altresì evidente: Il mercato turistico dagli anni Settanta ad oggi è molto cambiato, dopo quarant’anni ed una profonda trasformazione dell’economia e della società, l’industria si trova a gestire una domanda del tutto diversa rispetto al passato; in pochi anni si è sviluppato un enorme network sulla ricerca dell’ ospitalità, capace di catturare oltre 8 milioni di utenti in tutto il mondo e più di 500 mila strutture. 
In questo caso l’analisi si baserebbe da un lato sui commenti spontanei dei turisti che vagano sulle piattaforme di recensioni, dall’altro sui dati delle abitudini e gli stili di vita, sulle preferenze ed i flussi reali del turismo. Conoscenze dal valore inestimabile per chi saprà sfruttarle. Grazie all’analisi di commenti, espressioni e valutazioni dei turisti, è possibili effettuare una sintesi rappresentativa della loro esperienza diretta. 
Analizzando i comportamenti quotidiani degli utenti, è possibile migliorare l’offerta e rispondere adeguatamente alla domanda turistica. Un altro elemento da non sottovalutare nell’uso dei Big Data è l’analisi del sentiment, dei contenuti e dei temi delle conversazioni online. Enorme opportunità per le destinazioni e gli operatori turistici, perché da un lato si ha la possibilità di ottimizzare la propria politica, dall’altro si può creare un’offerta turistica del tutto personalizzata. L'anno scorso il Politecnico di Milano ha curata una piattaforma per la sentiment analysis per Formez e Promo Pa. Nell'arco di sei mesi sono stati analizzati milioni di post su Twitter (al 90%) , Facebook, Lonely Planet e Tripadvisor.
Con i Big Data possiamo segmentare il turismo, calcolare la centralità delle destinazioni, la propensione all’acquisto dei turisti  e calcolare con precisione la quantità di persone presenti ad un determinato evento. Tra le grosse aziende legate al turismo che hanno investito nei Big Data figurano compagnie aeree internazionali quali British Airways, Swiss Air, Air France e KLM ma anche diverse catene alberghiere come Hilton. Ogni giorno i computer di Expedia analizzano tre miliardi di ricerche di voli. E la stessa società, propone da qualche mese ai propri utenti un'applicazione, Flight Recommendations, che offre in tempo reale le migliori alternative di aeroporti, date e orari. Nel grande settore del turismo l'industria dei viaggi è per ora quella che è riuscita a cogliere i maggiori vantaggi dai Big data. Ma l'analisi dei dati che ogni giorno produciamo – durante le ricerche, gli acquisti online, le condivisioni sui social network – deve ancora in gran parte esprimere tutto il suo potenziale di crescita. La conoscenza e il sapiente utilizzo dei Big Data, rende necessario, oltre ad una formazione intensiva del personale anche la pianificazione di uno sforzo di investimento atto a colmare il gap generazionale, tecnologico e mentale, che ancora si attesta nella nostra penisola. Riuscire ad analizzare correttamente i Big Data, permetterebbe alla nostra Nazione di effettuare quel cambio di rotta verso i big del turismo internazionale.

Autori: Roberto Necci , Cristina Zazzaro 



1 commento:

  1. Offerta di prestito seria e onesta: frannkheinz@gmail.com o Whatsapp solo : +1 929 222 7884
    Offerta di prestito seria e onesta della Signor Frank HEINZ sulla e-mail: frannkheinz@gmail.com o Whatsapp solo : +1 929 222 7884 per un prestito fino a 100.000 euros, al 3%,
    si prega di essere spensierata nelle vostre richieste.





















    Offerta di prestito seria e onesta: frannkheinz@gmail.com o Whatsapp solo : +1 929 222 7884
    Offerta di prestito seria e onesta della Signor Frank HEINZ sulla e-mail: frannkheinz@gmail.com o Whatsapp solo : +1 929 222 7884 per un prestito fino a 100.000 euros, al 3%,
    si prega di essere spensierata nelle vostre richieste.

























    Offerta di prestito seria e onesta: frannkheinz@gmail.com o Whatsapp solo : +1 929 222 7884
    Offerta di prestito seria e onesta della Signor Frank HEINZ sulla e-mail: frannkheinz@gmail.com o Whatsapp solo : +1 929 222 7884 per un prestito fino a 100.000 euros, al 3%,
    si prega di essere spensierata nelle vostre richieste.


























    Offriamo al sicuro e in piena trasparenza, octroies di denaro prestito da 1000€ a 50000€ a seconda della vostra esigenza.
    Tutto questo con il supporto di documenti e una grande velocità.
    Grazie per averci fatto conoscere tramite il nostro indirizzo di posta elettronica : frannkheinz@gmail.com
    Whatsapp solo : +1 929 222 7884



































    Offriamo al sicuro e in piena trasparenza, octroies di denaro prestito da 1000€ a 50000€ a seconda della vostra esigenza.
    Tutto questo con il supporto di documenti e una grande velocità.
    Grazie per averci fatto conoscere tramite il nostro indirizzo di posta elettronica : frannkheinz@gmail.com
    Whatsapp solo : +1 929 222 7884





































    Offriamo al sicuro e in piena trasparenza, octroies di denaro prestito da 1000€ a 50000€ a seconda della vostra esigenza.
    Tutto questo con il supporto di documenti e una grande velocità.
    Grazie per averci fatto conoscere tramite il nostro indirizzo di posta elettronica : frannkheinz@gmail.com
    Whatsapp solo : +1 929 222 7884

    RispondiElimina